Cos’è un file Zip

Cos'è un file Zip

In questa guida verrà spiegato nel modo più semplice possibile cos’è un file Zip e a cosa serve.
Un file Zip, o file zippato, è un tipo di file in grado di contenere e comprimere altri file e cartelle. Può essere utilizzato per creare un archivio dati, riducendo lo spazio di archiviazione originale degli elementi contenuti, allo scopo di diminuire i tempi di trasferimento in rete o tra computer diversi.
In pratica è un file che archivia dati comprimendo la dimensione totale degli elementi presenti al suo interno senza perdere nessun tipo di informazione.

File archivio e compressione dati

Per capire cos’è un file Zip dobbiamo prima di tutto spiegare cos’è un file archivio e cos’è la compressione dati.
Un file archivio (in inglese archive file) è un particolare tipo di file composto da uno o più file e metadati. Un metadato è un’informazione che descrive e fornisce informazioni su altri dati.
Grazie alla capacità di memorizzare strutture di directory, i file archivio possono raccogliere e comprimere in un unico elemento file di dati multipli contemporaneamente. Questo consente di semplificare la portabilità e l’archiviazione in quanto i file compressi utilizzano uno spazio di archiviazione minore.

[quads id=1]

La compressione dati lossless (in inglese lossless compression) è una tecnica di elaborazione che permette ridurre i bit richiesti da un’informazione senza perdere nessun dato.
Viene prevalentemente usata per comprimere documenti di testo, programmi eseguibili e in tutte quelle situazioni in cui è di fondamentale importanza che i dati originali e i dati decompressi siano identici. Un esempio di lossless compression è proprio il formato Zip.

Caratteristiche di un file Zip

Un file Zip è un tipo di file archivio che supporta la compressione dati lossless.
Può occupare una spazio di archiviazione minore rispetto a un file non zippato e quindi può essere trasferito più rapidamente
in rete.
Consente l’utilizzo di diversi algoritmi di compressione che permettono di ridurre la quantità di bit utilizzati dall’informazione digitale originale. Grazie alle prestazioni e all’assenza di brevetti l’algoritmo maggiormente utilizzato è il Deflate.
La riduzione dello spazio di archiviazione effettuato dalla compressione non è identica per tutti i dati ma dipende dal tipo di file. Ad esempio, per le caratteristiche che li distinguono, i file di testo sono adatti alla compressione mentre i file immagine non lo sono affatto.

Nel formato .zip ogni file viene compresso separatamente, consentendo di utilizzare metodi di compressione diversi per lo stesso archivio di file. Grazie a questa caratteristica è possibile estrarre o aggiungere nuovi dati senza comprimere o decomprimere l’intero archivio.
Il formato .zip utilizza l’algoritmo CRT a 32 bit e include due copie della struttura della directory per diminuire la possibilità di perdita dei dati.

Quando è stato inventato il formato Zip?

Il formato Zip è stato sviluppato dall’informatico statunitense Phil Walter Katz alla fine del 1989, quando la capacità di archiviazione dei dischi rigidi era di gran lunga inferiore rispetto a quelli attuali, ed è stato implementato da molti software fin dalle sue origini.
La Microsoft ha incluso il supporto allo Zip già nelle prime versioni di Windows con il nome di → cartelle compresse mentre i sistemi operativi Mac l’hanno incluso nel 2003 con la versione Mac OS 10.3.

[quads id=1]

I file zippati di Windows sono riconoscibili da un’icona caratterizzata della presenza di una cerniera “a zip” e utilizzato normalmente l’estensione .zip (o .ZIP). Questo perché il termine zippare deriva dall’inglese (to) zip, che significa aprire o chiudere una cerniera o una chiusura lampo.

Come creare un file zippato

Dopo avere spiegato cos’è un file Zip vediamo come può essere creato.
Per creare un file Zip dobbiamo comprimere file e/o cartelle all’interno di un archivio .zip.
Se stiamo utilizzando un PC possiamo utilizzare le → cartelle compresse di Windows.
In alternativa possiamo utilizzare programmi di terze parti, gratuiti o a pagamento.
Tra quelli gratuiti il più utilizzato è 7-Zip .

Cosa sono i un file zippati
[quads id=1]

Invece per quando riguarda i software a pagamento abbiamo WinZip

WinZip

e WinRAR.

WinRAR

Per concludere ricordiamo che i file zippati non possono essere aperti ed eseguiti direttamente ma si devono prima decomprimere.
Il file Zip è soltanto un contenitore. Per utilizzare gli elementi contenuti al suo interno dobbiamo estrarli per riportarli allo stato originale.
Tutti i software in grado di creare un file Zip possono anche essere utilizzati per estrarre gli elementi dall’archivio.

[quads id=2]
Articolo precedenteCome rendere visibile una partizione nascosta in Windows
Articolo successivoCos’è il DNS Dinamico e a cosa serve